allergia e prurito cane e gatto

Le Reazioni Avverse al Cibo (abbreviate in RAC) sono un vasto insieme di reazioni anomale dell’organismo correlate all’ ingestione di un alimento o di un additivo alimentare e  vengono comunemente definite “allergia”.

 

 

Questa ampia classe di reazioni, dai sintomi a livello cutaneo a quelli a carico dell’apparato digerente, deve essere invece catalogata come  allergia alimentare o intolleranza alimentare a seconda che coinvolga o meno meccanismi immunologici dell’animale.

 

 

 

SAI COS’E’ ESATTAMENTE UNA ALLERGIA ALIMENTARE?

 

L’allergia alimentare è una forma specifica di RAC in cui alimenti o componenti di alcuni alimenti, pur essendo totalmente innocui per la maggior parte degli altri cani o gatti, attivano il sistema immunitario di un animale.

 

Il responsabile dell’allergia, definito allergene, innesca una vera e propria catena di reazioni che porta alla formazione di anticorpi specifici.

 

L’ allergia alimentare colpisce sia i cani che i gatti e può interessare allo stesso modo maschi e femmine, sterilizzati o meno.

 

Può insorgere in giovane età (intorno ai 12 mesi) ma anche in età avanzata (12 anni).

 

 

E IN COSA SI DIFFERENZIA DA UNA INTOLLERANZA?

 

 

Le intolleranze alimentari, al contrario, non prevedono un coinvolgimento del sistema immunitario e le reazioni che si scatenano sono prevalentemente di tipo metabolico e coinvolgono il sistema digerente. 

 

 

 

 

PERCHE’ CANI E GATTI SI SENSIBILIZZANO AD UN ALIMENTO SPECIFICO?

 

L’allergia può manifestarsi quando lo stomaco e l’intestino non contribuiscono alla corretta digestione di proteine, carboidrati e componenti analitiche del cibo.

 

I nutrienti devono essere scomposti per essere assimilati dall’organismo.

Se ciò non avviene in modo corretto, il sistema immunitario può scambiare una proteina normalmente innocua per una sostanza nociva ed è così che si scatena la reazione allergica.

 

 

Quando l’organismo risulta sensibilizzato ad un alimento specifico, l’allergia si manifesterà di nuovo in caso di ingestione dell’alimento problematico e indipendentemente dalla quantità assunta.

 

 

 

 

VUOI SAPERE QUALI ALIMENTI SONO I POTENZIALI  RESPONSABILI DELLE ALLERGIE?

 

Contrariamente a quello che si pensa, il pollo, questo  alimento tanto demonizzato, non è il solo ed unico colpevole di allergie e intolleranze.

 

Ogni componente di un alimento  che entra in contatto con le cellule del sistema immunitario del tuo cane o gatto può stimolare la risposta dell’organismo.

 

 

Per quanto concerne i cani, gli alimenti che  di solito scatenano un’ allergia sono la carne di manzo, di pollo e di agnello, i  prodotti lattiero-caseari, le uova,  il mais, il  frumento e la soia.

 

 

Si tratta, in pratica, degli ingredienti quasi sempre  presenti nei cibi per cani ossia quelli più comunemente utilizzati nella formulazione di tutti i mangimi.

 

Anche gli additivi alimentari (coloranti artificiali e esaltatori di sapidità) presenti nei cibi per animali possano rappresentare un ulteriore rischio per le allergie.

 

 

SAI RICONOSCERE I SINTOMI DI UNA ALLERGIA?

 

Ci sono alcuni sintomi che, se presenti in modo continuativo e persistente, dovrebbero metterti in allerta e spingerti a portare il cane  il gatto  dal tuo medico veterinario di fiducia.

  • Il sintomo principale è l’insorgenza di prurito cutaneo che interessa principalmente muso, piedi, orecchie, zampe anteriori, regione ascellare e la zona circostante l’ano. Il prurito si manifesta in modo spesso violento, localizzato soprattutto a orecchie e collo, e può portare a diverse lesioni cutanee, dal semplice arrossamento (eritema), alla perdita locale dei peli (alopecia), fino a lesioni crostose, scure e purulente, che rappresentano un’evoluzione cronica dovuta a continuo grattamento.

 

 

E QUELLI DI UNA INTOLLERANZA?

 

  • Sintomi gastroenterici e diarrea frequenti  così come sintomi come la perdita di peso dovrebbero metterti in allarme. Per diarrea non si intende solamente feci liquide o molli, ma anche un loro generico aumento di volume che porti ad aumentare la frequenza di defecazione più di 3 volte al giorno. Feci liquide o semiliquide possono provocare alla lunga  disidratazione e progressivo indebolimento dell’animale.

 

 

Anche l’otite puo’ essere l’espressione di una allergia  alimentare o di una intolleranza .

 

 

 

COME SI DIAGNOSTICANO LE REAZIONI AVVERSE AL CIBO?

 

L’unico modo per diagnosticare con precisione una allergia o intolleranza alimentare  è mediante un test deprivativo: la tendenza veterinaria è quella di utilizzare la prova di eliminazione del cibo, ovvero eliminare gli alimenti ingeriti dal’ animale negli ultimi tre mesi e constatare se i sintomi persistano o cessino.

 

 

QUALI RIMEDI E TRATTAMENTI SI UTILIZZANO CONTRO UN’ ALLERGIA ALIMENTARE?

 

Il trattamento dell’ allergia alimentare consiste sostanzialmente nell’ evitare di somministrare all’animale  la fonte alimentare causa della risposta allergica.

 

Una volta identificati gli ingredienti causa del problema, essi devono  essi  eliminati dal regime alimentare dell’animale.

 

 

L’eliminazione dei prodotti alimentari “colpevoli” dalla dieta è l’unica soluzione a lungo termine.

 

Hai la possibilità di scegliere fra due opzioni: nutrire l’animale con una linea alimentare specifica disponibile in commercio oppure  con una dieta casalinga.

 

 

E’ essenziale che la dieta casalinga sia equilibrata e che contenga la giusta quantità di ingredienti, vitamine e minerali. Per questo motivo, ti consigliamo di rivolgerti sempre al tuo veterinario di fiducia. 

 

 

 

 

SAI CHE ESISTONO ANCHE FATTORI PREDISPONENTI ALL’ ALLERGIA? ATTENZIONE!

 

 

 Alcuni fattori possono sembrano correlati con la presenza di reazioni avverse al cibo in cane e gatto.

 

Soggetti che hanno dimostrato allergie anche verso altri fattori scatenanti come ad esempio allergie scatenate da parassiti come la pulce o dermatosi allergiche da cause ambientali sono maggiormente predisposti a sviluppare un’allergia anche verso cause alimentari.

 

Altri fattori predisponenti sono:

  • qualsiasi patologia che possa alterare la barriera intestinale, ad esempio gastroenteriti emorragiche

 

  • predisposizione genetica. Alcune razze sono note per reazioni cutanee di ipersensibilità. Tra queste : Cocker,  Labrador, Collie, Shnauzer, Shar pei, Barbone, West Highland, Boxer, Bassotto, Dalmata, Pastore tedesco, Golden retriever

 

 

SE SOSPETTI CHE IL TUO CANE O IL TUO GATTO  SOFFRANO DI ALLERGIA O INTOLLERANZA ALIMENTARE, NON ESITARE A CONTATTARCI E PRENOTA IN SEDE  UNA VISITA SPECIALISTICA CON I NOSTRI DERMATOLOGI.

 

La Clinica La veterinaria è aperta tutti i giorni, inclusi i festivi, con servizio di Pronto Soccorso dalle 20 alle 8.

 

Solo per la gioia di vederLi Felici.

 

A cura della Dott.ssa Maria Cristina Aliano – Medico Veterinario Specialista in Dermatologia

 

 

 

 

Per Emergenza Chiamare       095 21 90 893