cane colpo di calore

Il colpo di calore, detto anche ipertermia, è un innalzamento della temperatura corporea.

I cani non sudano e non dissipano il calore come gli esseri umani.

Se la loro temperatura corporea, variabile tra i 38° e i 39°, supera i 40° il colpo di calore potrebbe essere fatale.



Se non sudano, come fanno i cani a dissipare il calore?

 

I cani dissipano il calore ansimando, ovvero aumentando la frequenza respiratoria a bocca aperta.

 

L’introduzione di aria dall’esterno favorisce l’evaporazione del calore nelle vie respiratorie superiori.

 

Quando la temperatura esterna è più elevata della temperatura corporea, questo meccanismo può non essere sufficiente e il cane potrebbe non riuscire a termoregolarsi.

 

 

Esistono razze maggiormente predisposte?

 

I cani in sovrappeso e i soggetti anziani sono quelli che soffrono maggiormente il caldo.

 

 

Sono fortemente a rischio gli esemplari con la testa corta ed il muso schiacciato, i cosiddetti brachicefali.

 

 

Per loro natura e conformazione sono soggetti a ostruzione delle vie respiratorie:

 

  • Carlino
  • Bulldog inglese
  • Bouledogue francese
  • Boxer
  • Shih Tzu
  • Pechinese
  • Boston terrier
  • Corso

 

 

Quali rischi corre il cane quando non espelle il calore in eccesso?

 

 

Se la temperatura corporea del cane inizia a salire i danni maggiori, talvolta irreversibili, sono a carico agli organi interni.

 

Il rischio è quello che il cane entri in coma e, a meno che non riceva cure mediche immediate, addirittura muoia.

 

E’ di vitale importanza monitorare la condizione del cane per evitare che rimanga vittima del colpo di calore.

 

Ed è altrettanto importante riconoscerne i sintomi.


 

 

Quali sintomi preannunciano il colpo di calore?

 

 

Irrequietezza, guaiti e abbai senza alcun motivo apparente rappresentano già un campanello d’allarme.

 

 

Progressivamente, il cane accelera  la sua frequenza respiratoria e l’ipersalivazione causa l’emissione di bava schiumosa dalla bocca.

 

 

E se la situazione si aggrava ulteriormente?

 

Il respiro diventa sempre più affannoso e aumenta anche la frequenza cardiaca.

 

Potrebbero sopraggiungere anche vomito, diarrea, crisi convulsive, tremori, mancanza di coordinazione.

 

Quando lo stato di agitazione iniziale cessa, il cane diventa letargico e apatico: a questo punto è a rischio di collasso.

 

 

Sai come intervenire nell’immediato?

 

Se il tuo cane manifesta i sintomi da colpo di calore, rinfrescalo immediatamente strofinando collo, testa, ascelle e regione inguinale con un panno umido.

 

 

Le cose da non fare assolutamente

 

Mai usare ghiaccio, è un vasocostrittore: la costrizione dei vasi sanguigni  rallenta la dissipazione del calore.

 

Mai usare acqua ghiacciata: provocherebbe uno shock termico.

 

Non perdere tempo e chiama immediatamente il tuo Veterinario di fiducia!

 

 

Ecco le regole fondamentali per proteggere il tuo cane dal colpo di calore

 

Per evitare che caldo e afa rappresentino un mix letale per il tuo cane, è importante che tu segua alcune precauzioni e regole.

 

Non condurre il cane fuori a passeggio nelle ore più calde.

 

Oltre al colpo di calore, potrebbe scottarsi le zampe sull’asfalto rovente.

 

 

Se durante la passeggiata il cane respira con affanno, ansima e cammina a fatica, fermati e lascialo riposare in un luogo ombreggiato.

 

Somministra tempestivamente acqua fresca ma non ghiacciata.

 

Non lasciare mail il cane chiuso in macchina, neppure per pochi minuti.

 

 

Quali precauzioni prendere in casa?


 

Assicura una temperatura costante e gradevole, di solito impostata tra i 22 ed i 24 gradi. Basta per garantire una condizione di comfort e relax.

 

Lascia sempre a disposizione dell’ acqua fresca e mantienila fresca immergendovi qualche cubetto di ghiaccio.

 

Esistono in commercio tappetini refrigeranti specifici per animali, resistenti alle perforazioni e imbottiti di gel non tossici.

 

Posti sotto il cuscino dove dorme il cane, mantengono la sua temperatura corporea al di sotto del livello critico.

 

Posiziona la cuccia nella zona più fresca, ventilata e ombreggiata della casa.

 

Tieni abbassate le tapparelle e chiudi le tende durante le ore più calde della giornata.

 

 

I cani non vanno assolutamente tosati

 

Il mantello assolve ad una funzione termica: mantiene costante la temperatura corporea e proprio per questo non deve mai essere tosato.

 

Il pelo, contrariamente a quello che si pensa, filtra i raggi solari e isola la cute del cane dal surriscaldamento esterno.

 

Se hai dubbi a tal riguardo, rivolgiti sempre al tuo Veterinario di fiducia.

 

 

Presso la Clinica La Veterinaria il nostro Staff è sempre a tua disposizione per visite e consulenze.

 

Ti ricordiamo, inoltre, che la Clinica La Veterinaria è sempre aperta, tutti i giorni inclusi i festivi, e con servizio di Pronto Soccorso dalle 20 alle 8.

 

Solo per la gioia di vederLI FELICI.

Per Emergenza Chiamare       095 21 90 893