in viaggio in auto e moto con il cane

Il viaggio in auto o in camper con il cane o il gatto al seguito è una consuetudine sempre più diffusa che richiede, però, una serie di  precauzioni che  garantiscano che quest’esperienza sia divertente e rilassante per tutti.

 

 

Ma sai quali sono gli accorgimenti da utilizzare che garantiscono a te e al tuo pet che il viaggio avvenga senza stress e in totale sicurezza?

 

 

 

INNANZITUTTO, SAI COSA PREVEDE IL CODICE DELLA STRADA QUANDO SI VIAGGIA IN AUTO O CAMPER?

 

 

Per il trasporto di animali domestici su camper e automobili valgono  le disposizioni specifiche fissate dal Codice della Strada.

 

L’ Art. 169 dispone che gli animali domestici (cane o gatto) non devono occupare la cabina guida ovvero stazionare sui sedili anteriori.

 

 

“È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore a uno purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C.”

 

 

In violazione di tale articolo, il Codice della Strada prevede il pagamento di multe salate e la decurtazione di punti dalla patente.

 

 

 

PERCHE’ UN ANIMALE NON PUO’  STARE SUI SEDILI ANTERIORI?

 

 

Un animale in cabina di guida può costituire un disturbo ma anche  un potenziale pericolo.

 

Una frenata improvvisa, ad esempio, potrebbe  causare  reazioni impreviste e incontrollate da parte dell’animale, interferendo così  sulla tua condotta di guida e sul controllo del veicolo.

 

E’ da irresponsabili mettere a rischio la tua incolumità, quella del tuo amico a quattro zampe e quella degli altri.

 

 

 

E COME VA COLLOCATO, INVECE, SUI SEDILI POSTERIORI?

 

L’animale, se  è solo uno, deve essere collocato  esclusivamente sui sedili posteriori o nel bagagliaio, che in un camper corrispondono in pratica alla cellula abitativa.

 

Se gli animali domestici da trasportare sono più di uno, invece, il Codice della Strada prevede che essi viaggino all’interno  di appositi  trasportini, e che questi ultimi siano posizionati sui sedili posteriori.

 

In alternativa, puoi  ricavare  nel vano posteriore del camper o dell’ automobile uno spazio riservato all’animale purché delimitato da un divisorio o una rete.

 

 

E PER IL TRASPORTO IN MOTO, SAI  COSA PREVEDE IL CODICE DELLA STRADA?

 

Il Codice della Strada permette di trasportare uno o più animali anche sui veicoli a due ruote.

L’articolo di riferimento è il n. 170.


“Sui motocicli e sui ciclomotori a due ruote il conducente deve avere libero uso delle braccia, delle mani e delle gambe, deve stare seduto in posizione corretta e deve reggere il manubrio con ambedue le mani, ovvero con una mano in caso di necessità per le opportune manovre o segnalazioni. Non deve procedere sollevando la ruota anteriore.


Sui veicoli è vietato trasportare oggetti che non siano solidamente assicurati, che sporgano lateralmente rispetto all’asse del veicolo o longitudinalmente rispetto alla sagoma di esso oltre i cinquanta centimetri, ovvero impediscano o limitino la visibilità al conducente. Entro i predetti limiti, è consentito il trasporto di animali purché custoditi in apposita gabbia o contenitore.”

 

 

Se il conducente non ha libero uso delle braccia e delle gambe, non è seduto correttamente o non riesce a tenere il manubrio con entrambe le mani, oltre alla multa e alla decurtazione di un punto dalla patente, rischia di subire anche il fermo del veicolo per 60 giorni.

 

 

SAI COME PREDISPORRE IL CANE AL VIAGGIO IN AUTO?

 

L’ideale sarebbe che tu abituassi il cane sin da cucciolo a familiarizzare con l’automobile a motore spento, lasciandogli annusare l’abitacolo e consentendogli di esplorarlo.

 

Inizia con brevi tragitti per poi aumentare progressivamente tempi e durata del percorso: prima di affrontare un lungo viaggio in auto è bene “allenare” gradualmente  l’animale agli spostamenti.

 

 

COSA FARE PRIMA DI PARTIRE?

 

  • Somministra al cane o al gatto il pasto, purché leggero, non oltre quattro ore prima dell’orario di partenza previsto: così facendo il tuo piccolo amico non sarà del tutto a stomaco vuoto ma diminuiranno le probabilità che possa rigurgitare il cibo ingerito

 

  • Evita tassativamente le partenze nelle ore più assolate della giornata

 

  • Predisponi un gioco, una coperta o un cuscino che il tuo animale abitualmente utilizza per rendere l’ambiente familiare e confortevole

 

  • Ciotola, acqua e salviette inumidite e rinfrescanti non devono mai mancare

 

 

E COME COMPORTARSI DURANTE IL VIAGGIO?

 

Caldo, aria condizionata e bruschi sbalzi termici sono pericolosi per i nostri animali.

 

Durante il viaggio è preferibile  tenere almeno un finestrino parzialmente aperto per favorire il ricambio d’aria e la ventilazione all’interno dell’ abitacolo.

 

Programma soste regolari (all’incirca ogni due ore) per consentire al cane di scendere dall’automobile, sgranchirsi le zampe e fare i suoi bisognini.

 

Aggancia il guinzaglio al collare del cane all’interno dell’abitacolo e non aprire MAI il portellone se il cane è libero.

 

L’ideale è lasciare il cane agganciato al guinzaglio fissato in auto fino al momento in cui sei pronto e certo di farlo scendere in totale assenza di rischi di fuga.

 

In commercio esistono appositi guinzagli dotati di una speciale fibbia universale da inserire nel bloccafibbia di qualsiasi cintura di sicurezza.

 

Guida prudentemente evitando accelerazioni e frenate: la chinetosi (ossia il mal d’auto) può colpire anche gli animali.

 

 

 

COSA PROVOCA  LA CHINETOSI?

 

La chinetosi insorge quando i recettori deputati al controllo dell’equilibrio situati nell’orecchio interno dell’animale (il cosiddetto apparato vestibolare) sono stimolati da movimenti irregolari.

 

La causa della cinetosi può essere attribuita anche alla paura e all’ansia percepita dall’animale che non ha acquisito la giusta familiarità con i mezzi di trasporto o a precedenti esperienze di viaggio traumatizzanti.

 

Riconoscere i sintomi della chinetosi è fondamentale per adottare le misure necessarie a trattarla:

  • Ipersalivazione, nausea e vomito
  • Sbadigli e abbattimento
  • Equilibrio precario e vertigini
  • Agitazione e frenesia
  • Brividi e tremori
  • Diarrea

 

 

 

COME SI PREVIENE E SI GESTISCE LA CHINETOSI?

 

Ogni cane o gatto è un caso a sé e il tuo veterinario di fiducia è la figura più indicata per valutare quale strategia adottare per gestire l’insorgenza della chinetosi.

 

Se i sintomi non si attenuano né scompaiono appena il veicolo cessa di muoversi e l’animale non riesce proprio ad adattarsi ai viaggi, potrebbe essere d’ aiuto somministrare qualche farmaco specifico per alleviarne i disagi e favorirne il rilassamento.

 

I farmaci più efficaci nel trattamento della chinetosi sono gli antistaminici, se essa è causata da ansia o paura, e i farmaci antinausea se, invece, è il movimento del mezzo a provocarla.

 

E ancora la Fitoterapia, l’Aromaterapia e l’Omeopatia offrono una serie di rimedi naturali efficaci e privi di controindicazioni per attenuare e prevenire la chinetosi: dai Fiori di Bach, allo zenzero, alla menta piperita, alla passiflora la scelta è piuttosto ampia.

 

 

Qualunque sia il rimedio utilizzato, ricorda che esso va somministrato SOLO ed ESCLUSIVAMENTE previo consulto con un Medico Veterinario e attenendosi scrupolosamente alle quantità indicate.

 

 

A tal proposito ti ricordiamo che i Medici Veterinari dello staff della Clinica La Veterinaria sono sempre a tua disposizione anche per aiutarti a predisporre il tuo pet al viaggio.

 

La Clinica La Veterinaria è aperta tutti i giorni, inclusi i festivi, e con servizio di Pronto Soccorso dalle 20 alle 8.

 

Solo per la gioia di vederLI FELICI.

 

Per Emergenza Chiamare       095 21 90 893