L’APPROCCIO GIUSTO ALLA STERILIZZAZIONE CANE FEMMINA

La sterilizzazione cane femmina rientra ormai tra gli interventi chirurgici di routine più frequentemente praticati sui cani. Nonostante si tratti di un’operazione relativamente semplice, la cui tecnica di esecuzione è più che ampiamente collaudata, in molti si interrogano non solo sulle questioni etiche ed etologiche che sottendono la sterilizzazione cane femmina, ma anche su eventuali rischi e reali benefici che ne derivano.

Lo scopo principale dell’operazione di sterilizzazione cane femmina, in prima istanza, è il controllo delle nascite.

STERILIZZAZIONE CANE FEMMINA: OVARIECTOMIA O OVARIO-ISTERECTOMIA?

L’intervento in sé interessa la cavità addominale dell’animale. Tecnicamente si parla di ovariectomia nel caso di asportazione delle sole ovaie. Se, invece, si esegue contemporaneamente la rimozione di ovaie e utero, l’intervento è detto ovario-isterectomia.

In entrambi i casi si tratta di un intervento semplice e ben tollerato dal cane, che richiede comunque l’anestesia totale.

L’ETÀ GIUSTA PER EFFETTUARE L’INTERVENTO DI STERILIZZAZIONE CANE FEMMINA

L’ideale sarebbe attendere la maturità fisica e dunque, il primo calore della cagna anche se esiste un’altra scuola di pensiero che suggerisce di eseguire la sterilizzazione cane femmina in età prepubere ossia prima del primo calore. Studi recenti dimostrerebbero, però, una predisposizione all’incontinenza urinaria: tra il 5 e il 20% delle femmine sterilizzate precocemente soffrirebbe di incontinenza estrogeno-responsiva a causa della riduzione del controllo degli sfinteri.

Tempi e modi di sterilizzazione vanno sempre concordati con il tuo veterinario di fiducia: consultarlo ti aiuterà a prendere la decisione migliore per la salute e il benessere del tuo cane.

LA FASE POSTOPERATORIA

Per quanto invasivo, già qualche ora dopo l’intervento, la cagna riprende a camminare e nell’arco delle 24/48 ore successive tutte le sue funzioni fisiologiche tornano alla normalità.

Nella fase post operatoria bisogna garantire alla ferita una cicatrizzare ottimale: per evitare che la cagnetta si lecchi, è bene utilizzare un collare Elisabetta o coprire la ferita con una t-shirt.

CALORE, O ESTRO, DELLA CAGNA: ATTENZIONE AI SINTOMI

Le cagne raggiungono solitamente la maturità sessuale tra i 6 e gli 8 mesi di vita con una media di un estro o “calore” ogni 6 mesi per un totale di due l’anno.

Ogni ciclo estrale causa dei forti cambiamenti ormonali. Alcune cagne possono diventare molto irritabili, nervose o aggressive. Questi cambiamenti umorali, che cesseranno dopo la sterilizzazione, sono già una prima avvisaglia dell’approssimarsi del calore.

L’irritabilità è solo un campanello di allarme al quale si affiancano anche altri sintomi ben più evidenti ed espliciti:

  • Gonfiore della vulva

La vulva si trova sotto l’ano. Prima che la cagna entri in calore, questa zona inizia a gonfiarsi fino a triplicare la sua dimensione standard e assume un colore rossastro.

  • Perdite ematiche

L’utero diventa più ricettivo e i suoi tessuti si irrorano di sangue che viene filtrato attraverso la mucosa vulvare: non si tratta, dunque, né di emorragie o sanguinamenti bensì di semplice “scolo” vulvare.

  • Leccamento

Lo scolo sanguinolento induce la cagnetta a leccare spesso la zona perianale e vulvare allo scopo di ripulirsi scrupolosamente.

  • Aumento della minzione

L’urina è un marcatore ed è utilizzato dalle femmine per comunicare ai cani maschi di essere in calore. Frequenti minzioni servono proprio ad attirarli.

LE FASI DELL’ESTRO

Il ciclo estrale della cagna può essere suddiviso in quattro fasi:

  • Proestro, la fase di preparazione al calore

È la fase delle perdite ematiche, inizialmente poco dense, poi più corpose e nuovamente poco dense verso la fine. In questa fase la femmina attrae i maschi ma non è ancora pronta all’accoppiamento. Il proestro ha una durata media variabile dai 7 ai 10 giorni.

  • Estro, la fase fertile del cane in calore

Anche questa fase dura mediamente dai 7 ai 10 giorni. Le perdite di sangue tendono gradatamente a diminuire, anche se in alcuni casi non cessano del tutto: lo scolo ematico potrebbe protrarsi anche per tutta la durata dell’estro. È il periodo in cui gli estrogeni raggiungono il loro picco e alla presenza di cani maschi la cagna si rende disponibile all’accoppiamento.

  • Diestro, la fase della gravidanza vera o falsa

Nelle femmine che si sono accoppiate, il diestro coincide con la gravidanza vera e propria, che dura 60 giorni. Nelle cagne che non si sono accoppiate, è un periodo comunque simile dal punto di vista ormonale e che può dare luogo alla cosiddetta falsa gravidanza o gravidanza isterica.

  • Anaestro, l’intervallo tra un calore e l’altro

È il periodo fra un calore e l’altro durante il quale l’attività ormonale è sopita, il progesterone va calando progressivamente e non ci sono istinti riproduttivi.

BENEFICI DELLA STERILIZZAZIONE

La prevenzione delle nascite è la finalità principale per cui si ricorre alla sterilizzazione delle femmine. Molti ignorano che la sterilizzazione previene e scongiura anche alcune gravi patologie:

  • Tumori alla mammella, uterini e ovarici

Le femmine sterilizzate hanno una forte riduzione del rischio di sviluppare tumori, frequente nelle cagne che non sono state sottoposte all’intervento. La prevenzione diminuisce con l’aumento del numero di calori, ma la sterilizzazione anche in età più avanzata può comunque diminuire il rischio di sviluppare un tumore mammario.

  • Piometra

È un’infezione batterica dell’utero che può essere fatale se non diagnosticata celermente. Questo tipo di infezione colpisce di solito le cagne adulte. Circa il 25% delle cagne non sterilizzate soffrono di questa patologia prima dei 10 anni di età. Se la tua cagna mostra segni di depressione, letargia, anoressia, aumento della sete, urinazione frequente, perdite vaginali, distensione addominale, vomito o diarrea ma non è in calore, falla visitare da un medico veterinario il prima possibile.

  • Gravidanza immaginaria o isterica

In alcuni cani avvengono delle alterazioni ormonali conseguenti all’estro che replicano in tutto e per tutto una gravidanza: aumento di volume dell’addome, aumento di volume delle mammelle con produzione di latte, atteggiamenti di ansia e irrequietezza. In alcuni casi i cani “adottano” degli oggetti come se fossero i loro cuccioli.

LUOGHI COMUNI E MITI DA SFATARE SU STERILIZZAZIONE CANE FEMMINA

  • La sterilizzazione risolve tutti i problemi comportamentali del proprio cane?

No: questo tipo di intervento chirurgico riduce soltanto i comportamenti indesiderati causati dalle variazioni ormonali che avvengono durante il calore.

  • Impedire ai cani di avere una vita sessuale è contro natura?

No: la natura “impone” agli animali l’accoppiamento per garantire la conservazione delle specie. È un errore antropomorfizzare il cane convincendosi che abbia verso il sesso lo stesso approccio dell’uomo. La mancata attività sessuale non determina nelle femmine il cruccio di non poter procreare né, nei maschi, il rammarico di non potersi accoppiare.

  • La cagna deve avere almeno una gravidanza nella vita?

No: la diceria secondo cui la cagna dovrebbe assolutamente partorire almeno una volta nella vita non è basata su nessun riscontro scientificamente attendibile. Avere una, due o nessuna cucciolata è esattamente la stessa cosa.

LA SCELTA DI NON STERILIZZARE 

Se desideri una cucciolata dalla tua cagna perché vuoi una sua discendenza, è comprensibile che tu non la faccia sterilizzare. Ma se rifiuti l’idea della sterilizzazione adducendo come motivo un suo presunto benessere psicofisico, ebbene, si tratta solamente di un tuo desiderio egoistico. La sterilizzazione cane femmina è prevenzione.


Lo Staff della Clinica La Veterinaria è a tua completa disposizione per fugare i tuoi dubbi e le tue perplessità: non esitare a contattarci.

Dotata di sala chirurgica con apparecchiature all’avanguardia, la Clinica La Veterinaria è sempre aperta, tutti i giorni, inclusi i festivi, e con servizio di Pronto Soccorso dalle 20 alle 8.

Per la gioia di vederli felici.

Il tuo cane o il tuo gatto ha un occhio semichiuso, la pupilla ristretta e la terza palpebra visibile? Potrebbe soffrire della sindrome di Horner. Riconoscila prima che si aggravi pericolosamente.

Giugno 16th, 2021|0 Commenti

La sindrome di Horner sviluppa in cani e gatti sintomi che vengono confusi con quelli delle patologie oculari ma in realtà è una patologia neurologica. La sindrome di Horner si manifesta [...]

Attenzione se usi lo stesso antiparassitario su cane e gatto! Sappi che gli antipulci per cani a base di permetrina sono tossici per i felini e possono provocarne addirittura la morte.

Maggio 21st, 2021|0 Commenti

Sono purtroppo frequenti i casi di intossicazione di gatti per applicazione inappropriata di antiparassitari a base di permetrina formulati solo per cani. Disattenzione, ignoranza e il tentativo di risparmiare sono la causa della evitabilissima [...]

Archivi

Categorie

SEMPRE APERTI H24

I NOSTRI VALORI

Il benessere degli animali per noi è al primo posto. E per benessere intendiamo una gestione totale dell’animale che tiene conto del suo equilibrio psico-fisico nel pieno rispetto della vita intesa come valore etico imprescindibile.
#per la gioia di vederLI FELICI
Noi ci siamo e ci saremo SEMPRE: la nostra dedizione non ha orari. Ecco perchè siamo operativi 24 ore su 24 tutti i giorni, inclusi i festivi: per garantire al tuo animale cure e soccorsi immediati e tempestivi.

PRENOTA IL TUO APPUNTAMENTO

Compila il modulo con i tuoi dati anagrafici e ti ricontatteremo in brevissimo tempo per confermare il tuo appuntamento

    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del Regolamento Europeo 679/2016 e successive integrazioni

    ECCO DOVE SIAMO

    2019-11-08T15:51:54+02:00

    Condividi questa Storia!