Malassezia, dermatite e otite nel cane

Il Malassezia pachydermatis è un lievito innocuo che appartiene alla normale microflora della cute e delle mucose del cane e che si deposita sulla sua pelle sin dalla nascita, già durante il parto.

 

 

Negli animali sani, la Malassezia convive pacificamente con il suo ospite ma prolifera e diventa patogeno quando i meccanismi di difesa della pelle si alterano o in particolari condizioni di umidità.

 

 

 

 

 

Sai dove si localizza la Malassezia?

 

 

Il microorganismo è normalmente presente sulla cute e si concentra in maniera inoffensiva su:

 

  • condotto uditivo
  • spazio interdigitale
  • ascella
  • inguine
  • intorno alla bocca
  • intorno all’ano
  • mucosa orale, nasale, vaginale e rettale

 

 

 

 

Quali sono i fattori predisponenti?

 

 

La Malassezia prolifera quando il delicato ecosistema cutaneo viene compromesso.

 

I fattori predisponenti sono legati ad alterazioni nei meccanismi di difesa cutanei del cane o a variazioni del microambiente cutaneo.

 

Può colpire i cani di tutte le razze ed età ma si riscontra una maggiore incidenza nei soggetti giovani, in quelli anziani o immunodepressi.

 

 

 

Attraverso quali sintomi si manifesta la Malassezia?

 

 

Il sintomo principale è il prurito che spinge l’animale a grattarsi e mordicchiarsi le aree interessate al punto che sono frequenti anche le infezioni batteriche secondarie.

 

Ma non solo: la cute dell’animale presenta tracce di dermatite e, solitamente, il cane viene colpito anche da otite.

 

 

Quali sono i segni più evidenti della dermatite?

 

 

I segni caratteristici della dermatite da Malassezia sono:

  • eritema
  • desquamazione
  • seborrea
  • odore rancido

 

 

 

Quali sono le zone maggiormente colpite dalla dermatite da Malassezia?

 

La pelle tende ad ispessirsi e a diventare rugosa (lichenificazione) e assume una colorazione più scura (iperpigmentazione) in alcune zone in particolare:

 

 

  • spazi interdigitali
  • pieghe cutanee
  • ascelle
  • collo
  • inguine
  • regione perianale

 

 

 

 

E come si manifesta invece l’otite da Malassezia?

 

 

Il segno caratteristico dell’otite è il grattamento insistente delle orecchie, alle volte accompagnato da testa deviata da un lato o orecchio abbassato in caso di dolore importante.

 

Il cane scuote la testa con insistenza e il padiglione auricolare appare arrossato.

 

Allo sbocco del condotto uditivo, invece, noterai un accumulo di cerume, la presenza di scaglie di pelle, forfora o materiale nerastro.

 

 

 

Esistono delle razze maggiormente predisposte?

 

 

L’otite da Malassezia colpisce principalmente alcune razze che hanno determinate caratteristiche fisiche:

 

  • le razze a orecchie pendule (Cocker e Bassethound)

 

  • quelle con abbondante produzione di cerume (Labrador, Golden Retriever)

 

  • con molti peli all’interno dell’orecchio (Barbone)

 

  • e con molte pieghe (Sharpei, Bulldog)

 

 

Al di là delle caratteristiche fisiche, esistono anche razze che sembrano essere predisposte geneticamente:

 

  • West Highland White Terrier
  • ShihTzu
  • Setter Inglese
  • Corso
  • Maltese
  • Carlino
  • Barboncino

 

 

 

Sai che l’infezione è spesso conseguenza di altre patologie?

 

 

Le infezioni da Malassezia sono spesso conseguenza di altre patologie:

 

  • Allergie alimentari

 

  • Dermatite da morso di pulce

 

  • Patologie endocrine (ipotiroidismo, diabete) e dermatologiche (seborrea)

 

 

 

Come si identifica la patologia che scatena l’infezione?

 

 

Se la causa sottostante dell’infezione non viene identificata, le probabilità di recidiva sono molto elevate.

 

Spesso si rendono necessari, oltre agli esami del sangue e batteriologici, accertamenti più specifici e approfonditi:

 

  • profili ormonali
  • indagini alimentari
  • test allergici
  • valutazione di eventuale presenza di altri parassiti

 

 

 

Come si cura la Malassezia?

 

 

Per l’otite da Malassezia esistono prodotti specifici per il lavaggio del condotto uditivo che rimuovono il cerume, limitano la crescita batterica e contengono il prurito e l’infiammazione.

 

Questi prodotti vengono spesso abbinati ad antibiotici ed antinfiammatori.

 

 

Esiste un vaccino per la Malassezia?

 

 

Purtroppo non esiste un vaccino contro l’infezione da Malassezia ma c’è una certezza ossia che il lievito aumenta la sua crescita in condizione di criticità del sistema immunitario del cane.

 

Ecco perché una prima azione preventiva consiste proprio nel migliorare le difese immunitarie dell’animale.

 

 

 

Sai come potenziare il sistema immunitario del tuo cane?

 

 

Ci sono alcune azioni preventive che puoi mettere in atto per alzare le difese immunitario del tuo cane:

 

 

  • assicurati che trascorra sufficiente tempo all’aria aperta e che faccia regolare attività fisica

 

  • stimola la sua attività mentale per ridurre il suo stress

 

  • lavalo con shampoo e prodotti specifici per non alterare il PH della sua pelle 

 

  • somministra integratori e vitamine ma solo dopo aver consultato il tuo Veterinario di fiducia.

 

 

A tal proposito, ti ricordiamo che presso la Clinica La Veterinaria, i Medici del nostro Staff sono sempre a tua disposizione per check up completi e consulenze specialistiche.

 

 

La Clinica La Veterinaria è sempre aperta, tutti i giorni inclusi i festivi, e con servizio di Pronto Soccorso dalle 20 alle 8.

 

 

Solo per la gioia di vederLI FELICI.

 

Per Emergenza Chiamare       095 21 90 893