L’arrivo di un bebè è sempre motivo di gioia in ogni famiglia. Ma, contestualmente, scattano anche le preoccupazioni per le future mamme che hanno gatti in casa.

 

A molte  donne in dolce attesa, ginecologi e medici poco informati intimano di “disfarsi” del gatto, prospettando la possibilità di contrarre dall’ animale la toxoplasmosi, un’infezione di origine parassitaria trasmissibile al feto.

 

 

 

Cosa c’è di vero in questi proclami così allarmistici? Facciamo un po’ di chiarezza e, soprattutto, salvaguardiamo i gatti di casa che, per scarsa preparazione e superficialità  di alcuni  ginecologi, troppo spesso vengono ingiustamente e crudelmente messi alla porta.

 

Donne incinte e gatti possono, anzi, devono continuare a convivere tranquillamente.E ti spieghiamo il perchè.

 

 

Sai da cosa è causata la toxoplasmosi?

 

 

La toxoplasmosi è causata dal Toxoplasma gondii, un microrganismo patogeno che compie il suo ciclo vitale solo all’ interno delle cellule di animali a sangue caldo (mammiferi,uccelli e roditori).

 

La toxoplasmosi è una malattia  trasmissibile dall’ animale all’ uomo che decorre quasi sempre in forma asintomatica e silente e può passare, addirittura, inosservata. Per questo motivo è molto difficile accorgersi di averla contratta.

 

Talvolta può assumere un carattere più grave. Nella donna, se la malattia si contrae per la prima volta durante la gravidanza, è possibile trasmetterla al feto e la toxoplasmosi può diventare pericolosa.

 

 

Sai in quanti modi si può contrarre la toxoplasmosi?

 

Il Toxoplasma gondii si trova nella carne degli animali infetti sotto forma di cisti, ma anche nelle feci di gatto e nel terreno in cui abbia defecato un gatto o un altro animale infetto.

 

E da qui nasce la confusione rispetto a questo tema, dato che la maggior parte delle persone incolpa genericamente ogni povero, malcapitato gatto.

 

Nella realtà dei fatti, le vie di contagio più probabile di toxoplasmosi nell’ uomo sono l’ingestione e la manipolazione di carni crude o poco cotte, di verdure crude non trattate con disinfettanti.

 

Clima, condizioni igieniche e modalità di alimentazione sono i fattori che influenzano maggiormente l’incidenza della toxoplasmosi.

 

 

Sai perché il gatto è considerato il maggior colpevole della trasmissione della toxoplasmosi?

 

Il  parassita compie un ciclo completo soltanto nei gatti, che espellono  le ovocisti (una specie di uova) attraverso le feci.

 

Le ovocisti, una volta espulse con le feci, hanno bisogno di 3-5 giorni di esposizione all’ossigeno e di stare a una temperatura e a un’umidità elevata per diventare infettanti.

 

Esiste la probabilità di contrarre la toxoplasmosi dal gatto se :

  • si lasciano le feci per più di 24 ore nella lettiera
  • si rimuovono a mani nude
  • si mettono le mani sporche di feci direttamente in bocca

 

La causa principale del contagio non è da ricercarsi nella convivenza con un felino, quanto piuttosto nelle scarse o poco adeguate condizioni igieniche.

 

La  corretta igiene giornaliera della lettiera preclude ogni possibile contaminazione e accarezzare o baciare il gatto  non è sufficiente per contagiarsi: il protozoo vive all’interno del suo intestino del gatto, non sul pelo e nemmeno nella saliva.

 

Sai quali gatti possono trasmettere la toxoplasmosi?

 

Solo un gatto infetto può costituire una fonte di contagio di toxoplasmosi.

 

Il gatto si infetta mangiando carne cruda o leccando terriccio contaminato ma se vive sempre ed esclusivamente in casa e non viene mai alimentato con carne cruda, la possibilità che contragga la toxoplasmosi è nulla.

 

Pur ipotizzando che il tuo  gatto abbia la  toxoplasmosi in atto, sappi che non rimane infestante a vita ma, al massimo, per un periodo di 15-20 giorni. Poi, una volta immunizzatosi, non potrà  più contrarre la malattia.

 

 

 

Sai come scoprire se il tuo gatto ha la toxoplasmosi?

 

Per accertarti dello stato di salute del tuo gatto, basta effettuare periodicamente nella tua  Clinica di riferimento o dal tuo veterinario di fiducia un esame delle feci del gatto e un  prelievo di sangue per l’esame sierologico. I test permetteranno di  valutare se il gatto è entrato a contatto con il parassita di recente.

 

 

Quali test deve effettuare una donna in gravidanza?

 

 

Nel caso in cui una donna decida di iniziare una gravidanza o appena  scopre di essere in attesa, è opportuno che si sottoponga ad un esame diagnostico del sangue, il Toxo-Test.

 

Il test consente alle donne in gravidanza di capire se :

  • sono immuni (esito positivo)
  • sono a rischio di contrarre l’infezione (esito negativo)
  • c’è in corso l’infezione

 

La prevenzione dell’infezione da Toxoplasma consiste soprattutto nel tenere controllato il titolo anticorporale durante tutta la gravidanza.

 

La possibilità di infezione fetale aumenta con il progredire della gestazione.

 

La possibilità, invece, che l’infezione fetale dia luogo a manifestazioni gravi è più elevata nelle infezioni precoci che in quelle tardive, quando il bambino è più maturo e formato.

 

Il toxoplasma è comunque sensibile alla terapia antibiotica e una diagnosi rapida consente di sottoporsi tempestivamente alla corretta  terapia.

 

 

Eccoti le precauzione da adottare per evitare il contagio

 

Se sei una futura mamma e non sei immune alla toxoplasmosi, è importante che tu segua per tutta la gravidanza queste regole igieniche e comportamentali:

  • non consumare carni crude o “al sangue” nè gli insaccati;
  • se c’è un gatto in casa, maneggia sempre con i guanti la sua lettiera. Quando è possibile, è comunque meglio delegare questa operazione ad altra persona;
  • per evitare che il gatto contragga l’infezione, è consigliabile fargli  mangiare carne cruda e nutrirlo esclusivamente con croccantini e scatolette. Inoltre, è  bene evitare che il micio vagabondi in spazi aperti o poco controllati;
  • lava sempre e con molta cura gli ortaggi crudi;
  • indossa sempre i guanti quando si fa giardinaggio, anche sul terrazzo di casa, poiché il terreno potrebbe essere contaminato.

 

Presso la Clinica La Veterinaria potrai sottoporre il tuo gatto ad esami di routine e specifici. Non esitare a contattarci.

Dotata di laboratorio analisi in sede, la Clinica La Veterinaria è sempre aperta tutti i giorni inclusi i festivi e con servizio di Pronto Soccorso dalle 20 alle 8.

 

Solo per la gioia di vederLi felici.

Per Emergenza Chiamare       095 21 90 893