Il pet sitter è la persona a cui ci rivolgiamo se per motivi di salute, di lavoro, personali, dobbiamo affidare il nostro quattrozampe a qualcuno che se ne prenda cura al nostro posto e parenti o amici di fiducia non sono disponibili a sostituirci.

Pet walker, dog sitter e pet sitter

A occuparsi di animali da compagnia in assenza dei loro compagni umani sono proprio questi professionisti del settore animal care, figure specializzate e competenti che rispondono ai bisogni di quella particolare categoria di consumatori costituita dai pets e dai loro detentori.

I pet sitter non sono tutti uguali

Il dog/pet sitting è una vera professione ma in Italia non è ufficialmente riconosciuta dallo Stato.

Purtroppo non esiste un albo e neppure un percorso di studi obbligatorio.

Allo stato attuale, non esistono procedure certificate ufficiali.

Manca, infatti, una norma che regolamenti queste figure e questo mercato, stabilendo le competenze necessarie e le responsabilità eventuali.

Questo determina il proliferare di un esercito di improvvisati che si offrono come dog/pet sitter senza possedere però alcun background dimostrabile né un livello di competenza certificate che li qualifichino come veri professionisti del settore.

Si tratta per lo più di studenti universitari o di appassionati che, per arrotondare, decidono di portare a spasso il cane o pulire la lettiera al gatto.

I marketplace e le piattaforme social sono piene zeppe di annunci del tipo “Amante degli animali offresi come dog/pet sitter”.

Peccato, però, che l’amore per gli animali non si una referenza

Ma come si fa a distinguere un dilettante da un professionista?

Le differenze tra un improvvisato e un professionista sono notevoli.

Ecco quali requisiti deve possedere il pet sitter ideale.

  • Essere in possesso di un patentino o attestato di operatore o educatore cinofilo rilasciato da un ente o scuola di formazione legalmente riconosciuta.

Il dog sitter, nello specifico, deve essere in grado di gestire il cane tanto nei luoghi pubblici o frequentati da altri animali quanto in casa.

  • Avere delle conoscenze etologiche e cinofile avanzate.

Il cane, il gatto, il coniglio non sono solo degli “animali”; hanno una loro intelligenza e specificità caratteriale e il tuo pet sitter deve saperlo.

Il pet sitter “DOC” deve conoscere e rispettare le normative in tema di tutela e benessere animale e il codice della strada per quel che concerne il trasporto degli animali.

Per la salute dei nostri piccoli amici animali è di fondamentale importanza che il pet sitter sia in grado di prestare interventi di primo soccorso veterinario.

Professionalità vuol dire responsabilità

Accertati che il per sitter da te scelto sia coperto da una polizza assicurativa per responsabilità civile: in assenza del proprietario è il dog sitter che ha responsabilità civile e penale dell’animale per eventuali danni che lo stesso potrebbe arrecare a persone o cose.

La responsabilità civile del pet sitter

L’orientamento giurisprudenziale prevalente ritiene responsabile dei danni cagionati dall’animale non solo il suo proprietario ma anche la persona che lo detiene momentaneamente.

L’Art. 2052 del Codice Civile afferma che “Il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall’animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito.”

La sussistenza del danno deve essere dimostrata dal danneggiato ma l’onere della prova, a dimostrazione del caso fortuito e per escludere la sussistenza di responsabilità, è sempre a carico del proprietario/possessore.

La responsabilità penale del pet sitter

Ai fini dell’individuazione del soggetto penalmente responsabile delle lesioni colpose cagionate da un cane, rileva non tanto accertare chi sia il proprietario dell’animale bensì chi, nel contesto temporale in cui si è verificato l’illecito, ne abbia gestito la custodia senza le opportune cautele e non si esclude il concorso di responsabilità del proprietario per affidamento a persona inesperta.

Il riferimento normativo è l’art. 672 del C.P. che recita quanto segue:” Chiunque lascia liberi, o non custodisce con le debite cautele, animali pericolosi da lui posseduti, o ne affida la custodia a persona inesperta, è punito con la sanzione amministrativa da euro 25 a euro 258.

Le pensioni private

Il pet sitter si occupa si occupa di cani, gatti, uccelli, pesci, roditori prendendosene cura a domicilio oppure presso la propria struttura privata.
Se hai deciso di affidare il tuo pet a una pensione, recati nella struttura e accertati personalmente che tutte le condizioni e i servizi promossi siano veri e reali:

  • Verifica le dimensioni dei box
  • Valuta le condizioni igienico-sanitarie
  • Accertati che sia garantita la presenza o l’assistenza di un veterinario 24 ore su 24
  • Controlla che le aree di sgambamento siano in sicurezza

Il contratto di deposito

Sappi che affidare il cane a una struttura organizzata rientra nella tipologia del contratto di deposito a titolo oneroso disciplinato dall’Art. 1766 del Codice Civile.

Il deposito è il contratto col quale una parte riceve dall’altra una cosa mobile con l’obbligo di custodirla e di restituirla in natura.

Dunque, il pet sitter ideale deve essere in grado di prendersi cura del tuo pet a 360° gestendolo correttamente sia dal punto di vista fisico che psicologico e perché questo accada deve essere un professionista adeguatamente formato e accreditato.

Morale: se ti affidi a un pet sitter improvvisato, non avrai garanzie di nessun genere e metti solo a repentaglio il benessere del tuo pet.

Clinica La Veterinaria si avvale della collaborazione di Educatori Cinofili qualificati ed è a tua disposizione per consigliarti adeguatamente.

Ti ricordiamo, inoltre, che Clinica La Veterinaria è sempre aperta, tutti i giorni inclusi i festivi e con servizio di Pronto Soccorso dalle 20 alle 8.

Per la gioia di vederli felici.

  • granuloma-eosinofilo-felino

Il tuo gatto presenta lesioni singole o a grappolo nell’interno coscia prive di pelo e pruriginose? Potrebbe trattarsi di granuloma eosinofilo. Scopri di cosa si tratta e come curarlo.

Novembre 17th, 2022|0 Commenti

Il granuloma eosinofilo felino è una malattia del gatto che si manifesta attraverso l’insorgenza di lesioni localizzate all’interno della cavità orale oppure sulla cute, particolarmente su labbra, padiglioni auricolari, cuscinetti plantari, spazi interdigitali, [...]

Archivi

Categorie

SEMPRE APERTI H24

I NOSTRI VALORI

Il benessere degli animali per noi è al primo posto. E per benessere intendiamo una gestione totale dell’animale che tiene conto del suo equilibrio psico-fisico nel pieno rispetto della vita intesa come valore etico imprescindibile.
#per la gioia di vederLI FELICI
Noi ci siamo e ci saremo SEMPRE: la nostra dedizione non ha orari. Ecco perchè siamo operativi 24 ore su 24 tutti i giorni, inclusi i festivi: per garantire al tuo animale cure e soccorsi immediati e tempestivi.

ECCO DOVE SIAMO